06 dicembre

SCHERMATI

  • STANZA 8
  • '

STANZA 8

Una riflessione sul presente e il futuro della scena digitale

La giornata di chiusura dell’edizione 2020 di Resistere e Creare sarà una riflessione pubblica, sulle possibilità e i limiti del teatro digitale, dal punto di vista artistico, estetico, sociale, culturale ed anche promozionale. 

Dal sostegno che il Teatro della Tosse ha deciso di dare, nel marzo scorso, ad Isadora - The TikTok Dance Project ,fra i progetti vincitori del bando Residenze Digitali, è nato lo spunto per  una discussione  condivisa sul tema  della scena digitale, che potesse coinvolgere arti, competenze, territori  e visioni diverse per raccontare il presente e provare ad immaginare e proporre futuri scenari possibili


Programma dell’incontro:

L’incontro nel suo insieme è pensato a partire da questa premessa:

l’emergenza Covid ha fatto emergere lo stato di resilienza del mondo delle arti performative che ha trovato nelle grammatiche (e nelle possibilità) dell’online una risorsa di sperimentazione e sopravvivenza.

La liveness digitale non solo si afferma come interessante oggetto di studio ma diventa il luogo di osservazione delle pratiche artistiche e della mediatizzazione della presenza come risposta al distanziamento sociale, o meglio, fisico.

Sul lato dell’offerta la molteplicità di occasioni proposte si allinea alle osservazioni che, sul fronte della ricerca, riguardano l’incremento del consumo culturale domestico. La propensione delle persone a soddisfare la propria dieta mediale e culturale affidandosi all’online (oltre che ai media tradizionali) è infatti notevolmente aumentata. Sul fronte delle arti performative, nella fattispecie danza e teatro, le ricerche al momento non mostrano la capacità dell’online di attrarre nuovo pubblico, di differenziarlo. Si rivela piuttosto la capacità del teatro online di mantenere la relazione con il proprio pubblico di riferimento.

Uno scenario che ci interroga sul senso delle tecnologie e del loro utilizzo per la promozione dell’umano.

Da questa base la discussione si sviluppa in due blocchi tematici sintetizzati nelle due domande di innesco per le due tavole rotonde dell’incontro.


1. Il primo tavolo si concentra sulla domanda:

Quale urgenza oltre l’esigenza? 

La pandemia ha generato un’urgenza – espressiva, organizzativa, produttiva, distributiva – che ha trovato nell’online una perlomeno parziale opportunità di risposta.

Nel loro insieme le esperienze artistiche di questi mesi sono osservabili attraverso azioni che comprendono: l’apertura degli archivi, la riproposta di video di repertorio da fruire in diretta online, l’adattamento di lavori pre-esistenti per la versione online, la progettazione e la creazione ex novo di lavori per gli ambienti digitali. 

Come dobbiamo osservare queste pratiche in una prospettiva di analisi che trascenda e superi la congiuntura di crisi?


2. Il secondo tavolo si concentra su una domanda legata ad uno dei temi emersi in questi mesi sul fronte delle arti performative e che si risolve nell’interrogativo sui formati, cioè sulle modalità con cui il teatro affronta (o deve affrontare) il trasferimento del teatro nelle tecnologie mediali e nelle piattaforme online.

Ripensare i formati: piattaforme, competenze, dispositivi

Nel quadro dei processi di mediatizzazione – ovvero nella consapevolezza che le tecnologie mediali organizzano l’esperienza sociale in relazione a fattori non mediali che riguardano i processi di sense making (l’agency degli individui nel senso di Judith Butler) – lo scenario definito dalle modalità di “trasferimento” delle arti performative nei media e nell’online chiama in causa la ricerca dei formati, il loro ripensamento in accordo con le grammatiche, i linguaggi e le tecno-logiche.

Dal lato creativo la questione riguarda la conoscenza delle piattaforme e dei loro constraints (vincoli), delle competenze richieste; dal lato organizzativo la ricerca riguarda i processi produttivi, promozionali e la capacitĂ  di intercettare i pubblici (ad esempio come networked publics teatrali).

Una questione che richiama temi giĂ  presenti nel dibattito e nella ricerca sul rapporto con le tecnologie e con la messa a punto dei linguaggi artistici ma che oggi pensiamo valga la pena di riprendere e approfondire.

Quindi la domanda è: Quali formati mediali e digitali si prospettano per il teatro? E di conseguenza quali competenze richiamano? 


La durata di ogni intervento dovrebbe essere di circa 10 minuti in modo da avere il tempo per un secondo giro e per eventuali domande.


Primo tavolo h. 15.00-16.30  

Quale urgenza oltre l’esigenza?

Introduzione e conduzione del tavolo Laura Gemini, UniversitĂ  degli Studi di Urbino 


Partecipano 

Federico Boni, UniversitĂ  degli Studi di Milano

Luigi De Angelis, Fanny & Alexander

Daniela Nicolò e Enrico Casagrande, Motus

Daniele Del Pozzo, Gender Bender Festival 

Gilberto Santini, AMAT 

Floriana Colombo, Formatrice


Secondo tavolo h. 18.00-19.30 

Ripensare i formati: piattaforme, competenze, dispositivi


Conduzione del tavolo: Laura Gemini, UniversitĂ  degli Studi di Urbino  


Partecipano

Giovanni Boccia Artieri, UniversitĂ  di Urbino Carlo Bo

Christl Baur, Ars Electronica (Austria) 

Federica Patti, Curatrice artistica

Anna Maria Monteverdi, UniversitĂ  di Milano Statale 

Lucia Franchi e Luca Ricci – Capotrave/Kilowatt

CrossLucid - Collettivo artistico interdisciplinare (Berlino)  

Christophe Monchalin - Artista e motion designer (Belgio)   


 ENGLISH VERSION


Tavola rotonda a cura di Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse 

in collaborazione con il Bando Residenze Digitali, promosso da Centro di Residenza della Toscana (Armunia – CapoTrave/Kilowatt), in collaborazione con AMAT, Anghiari Dance Hub, ATCL per Spazio Rossellini

con il coordinamento di Laura Gemini

da un’idea di Elisa Sirianni


Calendario e biglietti

TAVOLE ROTONDE GRATUITE
Prenotazioni alla diretta ZOOM entro il 5 dicembre scrivendo a promozione@teatrodellatosse.it con oggetto PRENOTAZIONE STANZA 8.


Isadora – The tik tok dance Project (webinar del 6 dicembre) Biglietti a € 3, disponibili qui 

dicembre 2020
6
domenica
alle ore 14:30

Documenti correlati

Realizzazione sito web a cura di Kar-tr design © 2021

Top