15 febbraio

HORUS BLACK

  • LaClaque
  • '

LaClaque

Simply

‘Simply‘ di Horus Black è l’incontro definitivo di qualcosa che non avrebbe potuto mai incontrarsi se non in un contesto in cui la scrittura musicale e la sconfinata ricerca di sonorità suadenti e rinnovate dal loro retaggio storico sono incastrate perfettamente. Tra richiami ad un Elvis che c’è e un non troppo nascosto sentimento Punk si sviluppa il lavoro del cantautore genovese.

L’idea di incidere un album è sorta dopo qualche anno di scrittura. Nel corso di questo lasso di tempo varie influenze hanno contaminato l’artista portando alle realizzazione di un disco i cui brani, seppur diversi fra loro, mantengono comunque con coerenza elementi che caratterizzano il concept complessivo. Le influenze principali derivano fuor d’ogni dubbio da un ventennio che parte dalla seconda metà degli anni ’50 fino alla prima metà dei ’70, in particolare cantanti e band come Elvis Presley, Jerry Lee Lewis, Tom Jones, i Rolling Stones, I Turtles, i Memphis Hornes, i Doors, i Led Zeppelin, i Queen (soprattutto del primo periodo).

«Ne consegue che non sia un amante di sintetizzatori o suoni finti in quantità imbarazzanti, anche se nel caso siano usati in maniera giusta possono sicuramente aggiungere molto. Di sicuro sono amante di arrangiamenti carichi e completi di archi ed ottoni. Sempre a causa di queste varie influenze all’interno dell’album, che si può definire pop rock, sono apprezzabili vari stili: rock’n’roll, ballate, funk, rock psichedelico, il tutto toccato a sprazzi da influenze classiche, (come i cori a canone in “We can’t go on this way”), dovute al fatto di essere figlio di due violinisti classici e nipote di un trombettista anch’esso classico. Di matrice classica è pure l’impostazione nel canto, plasmato poi sullo stile delle canzoni». Horus Black


Calendario e biglietti

Prezzo intero 12,00 €
acquisto biglietti
febbraio 2019
15
venerdĂŹ
alle ore 21:30

Realizzazione sito web a cura di Kar-tr design © 2019

Top